Tutto ciò che si deve sapere sull'uso del contante e le sanzioni - Moda Artigiana

5 novembre 2013
Categoria:
Uncategorized
Commenti: Commenti disabilitati

Tags: , , ,

Tutto ciò che si deve sapere sull’uso del contante e le sanzioni  (si parte da 3mila euro)

Le dichiarazioni del ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni hanno messo sul chi va là tutti i cittadini per il fatto di dovere cambiare le modalità di pagamento di beni e di trasferimento di denaro

1. Le regole in vigore

Il decreto “salva Italia” (6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214) all’articolo 12, comma 1 stabilisce in 999,99 euro il limiti all’uso del contante (e dei titoli al portatore) previsti dalla legge 231/2007 (testo cardine dell’antiriciclaggio).

moda italiana artigiana

2. L’elenco di tutti i divieti

Non possono superare il tetto di 999,99 euro:
1) i pagamenti in contante;                                       2) il valore di titoli al portatore (nel caso di trasferimento);           3) l’emissione, il versamento e l’incasso di assegni bancari e postali, di assegni circolari e vaglia cambiari o postali nel caso siano al portatore. 4)il saldo dei libretti bancari o postali al portatore

3. Chi vorrebbe limitarne l’uso e chi è contrario

Ad accennare all’ipotesi di un intervento per limitare l’uso del contante era stato due giorni fa il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni nel corso di un’audizione al Senato. Anche il ministro del lavoro Enrico Giovannini si era detto favorevole a una stretta sull’uso del contante. Si sono detti contrari all’introduzione di misure sul contante nella legge di Stabilità il Pdl (dal segretario Alfano al relatore Pdl alla legge di Stabilità, Antonio D’Alì) e il vice ministro per l’Economia, Stefano Fassina (che per il governo segue l’iter della manovra).

4. Le multe per chi sbaglia con il denaro

- L’utilizzo del contante oltre soglia viene sanzionato dall’1% al 40% dell’importo trasferito.

- La penalità scatta sia nei confronti di chi trasferisce sia di chi riceve la somma in contanti.

FORTE LOGO 1 copia- La sanzione non può comunque essere inferiore nel minimo a 3mila euro. Inoltre la misura della sanzione minima è aumentata di 5 volte se gli importi trasferiti sono superiori a 50mila euro.

- Quindi se l’importo trasferito è compreso tra 1.000 e 50mila euro, la sanzione va dall’1% al 40% con un minimo di 3mila euro. Se il contante è superiore a 50mila euro la sanzione va dal 5% al 40% sempre con un minimo di 3mila euro.

5. Le multe per chi sbaglia con i libretti bancari e postali

- Sanzione dal 30% al 40% del saldo se è pari o superiore a 1.000 euro, con la penalità minima di 3mila euro. Se il saldo supera i 50mila euro, la sanzione va dal 45% al 60%

- La mancata riduzione o estinzione dei libretti entro il 31 marzo 2012 comporta una sanzione pari al saldo se inferiore a 3mila euro; dal 30% al 40% con un minimo di 3mila euro se il saldo è tra 3mila e 50mila euro; dal 45% al 60% se supera 50mila euro.

- Stesse sanzioni per chi trasferisce libretti al portatore senza effettuare le comunicazioni nei termini.

 6. Le multe per chi sbaglia con gli assegni

- L’emissione di assegni bancari o postali, di assegni circolari nonché di vaglia postali e cambiali, oltre soglia senza clausola di non trasferibilità determina l’applicazione di una sanzione che va dall’1% al 40% dell’importo trasferito con un minimo di 3mila euro.

- Se gli importi trasferiti sono superiori a 50mila euro, la sanzione minima è aumentata di 5 volte e quindi dal 5% al 40% dell’importo trasferito, sempre con un minimo di 3mila euro.

- La sanzione riguarda l’autore dell’illecito, e cioé il traente che ha emesso il titolo privo dei requisiti obbligatori, ma anche il beneficiario della negoziazione.

In tutta Italia organizziamo la tua Azienda, dall' Impianto Elettrico alla Video sorveglianza

In tutta Italia organizziamo la tua Azienda, dall’ Impianto Elettrico alla Video sorveglianza


L'arte incontra la moda

Le nostre categorie